Animali.com - Il portale degli animali.
Animali.com il portale degli animali - Home Page
Animali.com - Il portale degli animali.

Animali.com - Il portale degli animali.
Cerca nel sito
Animali.com - Il portale degli animali.
Animali.com - Il portale degli animali.
News
Animali.com - Il portale degli animali.
Approfondimenti
Birdwatching
Blindsight - Il cane guida
Comportamento
Curiositą
Documentari
Enciclopedia
Gli OGM
I Cani
I Gatti
Le Acque Mariane
Viaggi nella natura
Animali.com - Il portale degli animali.
Adozioni
Animali.com - Il portale degli animali.
Campagne
Balene
Caccia
Canili
Circhi
Corrida in Catalogna
Foche del Canada
Foche del Sud Africa
Oche e Fois gras
OGM
Orsi in Cina
Pellicce
Randagismo
Tutela dignitą animali
Vivisezione
Animali.com - Il portale degli animali.
I nostri amici
Album di Famiglia
La storia di Beniamino
Animali.com - Il portale degli animali.
In Vacanza
Aree di sosta in autostrade
Informazioni utili
Spiagge
Vaccinazioni
Libreria
Animali.com - Il portale degli animali.
http://www.bauzaar.it/
Numeri utili
Animali.com - Il portale degli animali.
Links
Animali.com - Il portale degli animali.
La foto del mese
Lontra di mare
Animali.com - Il portale degli animali.
Mercatino
Animali.com - Il portale degli animali.
www.posteshop.it
CAMPAGNE: Balene
Il governo Australiano contro la caccia delle Balene
Aiutiamo Greenpeace nella sua missione di salvaguardia dei mari.
Massacro di Delfini In Giappone
No alla caccia delle balene in Islanda - Ocean Defender

ULTIMO ARTICOLO INSERITO: Il governo Australiano contro la caccia delle Balene
 Il governo Australiano contro la caccia delle Balene 20-12-2007

BALENE. LAV PLAUDE A AUSTRALIA: STA CONTRASTANDO CACCIA GIAPPONE
(DIRE) Roma, 20 dic. - La Lav ha espresso il proprio plauso alla nuova
determinazione del Governo Australiano contro la caccia alle balene,
inviando un telegramma ad Amanda Vanstone, ambasciatore d'Australia in
Italia.
"L'intenzione del Giappone di uccidere 935 balene, tra cui alcune
megattere, protette da oltre 40 anni perche' a rischio d'estinzione,
con l'ormai abusata e falsa giustificazione della ricerca scientifica,
deve essere ostacolata in tutti i modi non violenti possibili-
dichiara Gianluca Felicetti, presidente della Lav- e l'iniziativa del
Governo australiano di inviare una nave e un aereo da ricognizione
nelle zone di caccia delle baleniere giapponesi, ha tutta la nostra
approvazione". Dunque, "chiediamo quindi al nostro Governo di
sostenere in ogni modo questa iniziativa, con l'invio di un
'contingente di pace' per la vita delle balene". Con le azioni
intraprese, il Governo australiano intende testimoniare "l'assoluta
infondatezza delle tanto sbandierate ragioni scientifiche,
smascherando le reali ragioni commerciali che sono dietro la caccia
alle balene, che ha nel Giappone il suo piu' strenuo difensore". Il
Paese dell'Estremo Oriente, infatti, "e' impegnato da anni nel
tentativo di abolire la moratoria sulla caccia commerciale alle
balene, arrivando ad una vera e propria campagna acquisti, per
garantirsi i voti dei Paesi membri piu' piccoli attraverso pacchetti
di aiuti esteri, in occasione delle riunioni dell'Iwc, la Commissione
baleniera internazionale che si riunisce ogni anno per stabilire le
quote di caccia". La caccia alle balene, nonostante la moratoria
della caccia a scopo commerciale stabilita nel 1986 dall'Iwc, continua
ogni anno a uccidere 1400 grandi cetacei, a opera di balenieri
norvegesi e giapponesi, in operazioni di caccia "cosiddetta
scientifica". A Norvegia e Giappone- paesi in cui la carne dei grandi
cetacei e' liberamente consumata- nel 2003 si e' aggiunta l'Islanda
"che ha ucciso nello stesso anno oltre 30 balenottere sempre per scopi
di ricerca".
E questo- aggiunge la Lav- "nonostante un recente studio
dell'universita' di Auckland (Nuova Zelanda) abbia dimostrato quanto
anche la caccia 'scientifica', che comporta l'uccisione di numeri
definiti di animali e solo di alcune specie, stia danneggiando la
popolazione di questi cetacei in maniera preoccupante".
Il metodo di uccisione impiegato per la caccia alla balena, l'arpione
a granata di pentrite, infine, "si e' dimostrato inefficace nel
provocare quella che dal 1957 l'Iwc ha definito 'uccisione umana': il
processo per cui gli animali sono resi immediatamente insensibili fino
al sopraggiungere della morte. Da quell'anno, infatti, la Commissione
Baleniera (Iwc) si occupa di esaminare i problemi relativi al
benessere animale". L'esplosione della granata di pentrite, progettata
per esplodere all'interno del corpo della balena, "crea un'ampia
ferita, di almeno 20 cm di larghezza, le cui dimensioni triplicano
quando gli ardiglioni dell'arpione si uncinano nel corpo della balena.
Malgrado la potenza dell'arpione esplosivo, per 'finire' le balene, ma
anche come metodi di uccisione primari, si ricorre spesso ad altri
strumenti, come fucili o arpioni non esplosivi".
(Com/Val/ Dire) 14:29 20-12-07

 


TORNA SU

Copyright 1997-2006 Animali.com - info@animali.com
HTML - CSS - Designed by Web Agency Napoli