Gruppo 1:

Cani da pastore e Bovari (Escluso Svizzeri)

7
Yes
None
1
1000000
Name...
/gruppo-1/

Group 1

Thumbnail
Australian Shepherd
Australian Shepherd Image

AUSTRALIAN SHEPHERD

Storia

Anche sull’origine del Pastore Australiano vi sono molte teorie; la razza che noi conosciamo oggi si è sviluppata esclusivamente negli Stati Uniti. Gli fu dato questo nome per associazione col cane da pastore di origine basca, che arrivò negli Stati Uniti nel 19° secolo e proveniva dall’Australia. La popolarità del Pastore Australiano aumentò notevolmente dopo la seconda guerra mondiale, con la grande notorietà raggiunta dall’equitazione alla “Western”, che la gente venne a conoscere attraverso i rodeos, concorsi ippici, film e spettacoli televisivi. Per la sua indole versatile e facile da educare, questo cane venne impiegato nelle fattorie e nei vasti possedimenti americani. Gli allevatori di bestiame perseverarono nello sviluppo della razza, mantenendone la versatilità, l’acuta intelligenza, il forte istinto da pastore, e l’aspetto attraente che avevano ammirato fin dall’inizio. Sebbene ogni soggetto sia unico per quel che riguarda il colore e le pezzature, tutti i Pastori Australiani mostrano una insuperabile devozione alla loro famiglia. Le molte qualità hanno garantito a questa razza una continua popolarità.

Aspetto Generale

Il Pastore Australiano è ben proporzionato, leggermente più lungo che alto, di media costruzione e ossatura, con mantello dai colori che offrono varietà e individualità. E’ attento e vivace, flessuoso e agile, solido e muscoloso senza goffaggine. Ha un pelo di moderata lunghezza e ruvidità. Ha la coda tagliata o naturalmente corta.
Bearded Collie
Bearded Collie Image

BEARDED COLLIE

Storia

Il suo nome significa “Collie Barbuto”. Le sue origini sono ritenute antiche e per taluni questo cane da pastore era già presente all’epoca delle invasioni romane anche se, a questo proposito, non si hanno vere documentazioni al riguardo. Sicuramente, comunque, le sue origini si possono collegare alle antiche forme che generarono anche il Bobtail nella stessa Inghilterra e, andando a ritroso, il Briard in Francia, il  Bergamasco in Italia, il Puli e il Pumi in Ungheria e infine a tutte quelle razze da pastore affini tra di loro ed in particolar modo una stretta somiglianza lo lega al Pastore Polacco da cui la “storia” lo farebbe discendere. Infatti gli studiosi cinofili inglesi avvalerebbero la teoria che fu al tempo dei Tudor che l’antenato del Bearded sarebbe giunto in Inghilterra, poichè è risaputo che fu proprio in quell’epoca che i Britanni mantenevano frequenti relazioni commerciali con la Polonia. All’inizio dello scorso secolo questo cane era considerato un cane da lavoro, presente da tempi lontani nelle Highlands, che aiutava i pastori a spostare le greggi da pascoli a pascoli o direttamente ai mercati del bestiame.

Aspetto Generale

Il Bearded Collie deve essere un cane all’erta, vivace, sicuro di se e di buon carattere. Di costruzione robusta, ma non troppo pesante; non deve infatti presentare ne la’spetto massiccio ne l’andatura del Bobtail. Il muso ha l’espressione acuta e indagatrice. In movimento il soggetto deve apparire sciolto e vivace.
Bobtail
Bobtail Image

BOBTAIL

Storia

“Dio ha messo il pelo davanti agli occhi del Bobtail perché non veda i difetti di coloro che ama”. Questa frase, da anni motto internazionale degli amatori di questa razza, rappresenta sinteticamente “l’anima” del Bobtail: un’anima buona. Anche se l’Old English Sheepdog è stato registrato come Britannico, si pensa che i suoi antenati effettivi provengano da Pastori Europei di tipo Owtcharka e Bergamasco, incrociati con pastori locali. La razza è ora considerata autoctona, spesso chiamata Bob-Tail. Forte, compatto e abbondantemente ricoperto di pelo, il Bobtail ha un mantello caratteristico e resistente alle intemperie. Fondamentalmente un cane di campagna, intelligente e amichevole; ha una voce particolarmente risonante, sufficiente a far fuggire qualsiasi intruso.

Aspetto Generale

Cane forte, inscrivibile nel quadrato, di grande simmetria e generale robustezza. Non è assolutamente mai alto sugli arti, ed è copiosamente coperto di pelo in ogni sua parte. E’ un cane dalla muscolatura resistente, dalla costruzione robusta con espressione di grande intelligenza. Il profilo naturale non dovrebbe essere alterato artificialmente da lavoro di forbice o tosatura. Di forte fibra, mostra una linea superiore che risale dolcemente e un corpo dalla forma di pera se lo si guarda dal di sopra. L’andatura presenta un tipico dondolio quando ambia o cammina. L’abbaio ha un caratteristico tono del tutto particolare.
Border Collie
Border Collie Image

BORDER COLLIE

Storia

Difficile stabilire l’origine del Border Collie. Anche se entrato nella cinofilia ufficiale solamente dopo la metà dello scorso secolo, è “a memoria d’uomo” sempre esistito nel suo paese d’origine a rendere i preziosi servigi che presta, ausiliare tenuto in grande considerazione dai pastori del Border, la regione della Gran Bretagna situata tra Scozia e l’Inghilterra. E’ indubbio che esso provenga dal medesimo ceppo che diede luogo alle altre forme di cani da pastore inglesi per cui la selezione ottenne poi linee diverse e differenti tipi.

Aspetto Generale

Ben proporzionato, dalle linee morbide, mostra qualità, grazia e perfetto equilibrio, associato a sufficiente sostanza in modo da dare l’impressione di resistenza. E’ indesiderata ogni tendenza alla grossolanità o a eccessiva magrezza. Non deve essere né nervoso né aggressivo ma vigilante, attivo, recettivo e intelligente. Ogni dettaglio di struttura o di temperamento che non corrispondono a un cane da lavoro è da considerarsi atipico.
Cane da Pastore Australiano Kelpie
Cane da Pastore Australiano Kelpie Image

CANE DA PASTORE AUSTRALIANO KELPIE

Storia

La storia del Kelpie comincia in Scozia. Nel 1870, Willam Allen, un allevatore di pecore di Geralda Station, vicino Forbes, nel New South Wales, importò un paio di cani nero focati a pelo corto e con orecchie dritte. Questi furono venduti al Sig. Allen dallo Scozzese Mr.Rutherford, ed erano conosciuti come Fox Collies (in alcuni testi Working Collie) perchè la leggenda era che questi cani avevano un po’ di sangue di volpe che scorreva nelle loro vene. Questa credenza viene probabilmente dal fatto che c’era sempre un cucciolo rosso in ogni cucciolata. In realtà, questi Fox Collies erano strettamente imparentati con gli antenati del moderno Border Collie.
I due cani, “Jenny” e “Brutus”, si accoppiarono sulla nave in viaggio per l’Australia. I cuccioli nati in Australia erano tutti nero focati tranne un cucciolo rosso. I cani erano lavoratori silenziosi con un fare scaltro e un intenso sguardo. Questi erano ideali per il lavoro con le volubili Merinos, razza di pecore allevate in Australia.
Nello stesso periodo un altro allevatore di pecore, Mr. Gleeson, ottenne una cagna nero focata proveniente da Victoria. Sebbene il suo pedigree fosse sconosciuto, assomigliava e lavorava come Brutus e Jenny. Le descrizioni di Robert Kalenski dicevano che c’erano tracce di sangue di Dingo in lei, ma questo non fu mai provato. Questa femmina il cui nome era Kelpie, fu fatta accoppiare con un figlio di Brutus e Jenny, un maschio nero-focato di nome Caesar. Nel frattempo, il cucciolo rosso della cucciolata di Brutus e Jenny, dopo aver dato prova di essere un promettente lavoratore, fu rubato dal ranch in cui si trovava a Goolagong. Sebbene le sue tracce siano state perdute, egli fu senza dubbio il progenitore di tutti i Kelpie rossi in Australia.
Mr. W. King, manager di un ranch decisi di prendere una figlia di Kelpie e Caesar, e siccome era identica alla madre le diede il nome di Kelpie II. Kelpie II lasciò il segno quando partecipò e vinse il primo ufficiale sheepdog trial in Australia, a Forbes intorno al 1870-1875. I suoi cuccioli che da quel momento in poi furono molto richiesti, erano conosciuti come “Kelpie’s Pups” ossia i cuccioli di Kelpie. Presto Kelpie fu scelto come nome ideale per questa razza. Il nome Kelpie in Celtico significa spirito acquatico, nome che si adatta perfettamente a questa razza agile e veloce. Chiunque abbia conosciuto il Kelpie ametterà che questo cane è un serio lavoratore con un tocco di birbante nella sua personalità.
Un’altra linea di Kelpie fu sviluppata da una della figlie di Kelpie II. Il suo nome era Sally, e fu fatta accoppiare da un solido maschio nero, pronipote di Brutus e Jenny il cui nome era Moss. Un cucciolo tutto nero di questa figliata fu comprato da un fattore di nome Davis. Grazie alla sua forte personalità e alla sua grande velocità, il cucciolo fu chiamato Barb come un famoso cavallo da corsa dell’epoca. Più tardi fu venduto a Mr. Edols che lo usò come stallone. Nei figli di Barb era predominante il colore nero e il potere sulle pecore. Conusciuti all’inizio come Barb’s Pups, i Kelpie neri figli di Barb diedero in seguito il nome a tutti i Kelpie neri che a tutt’oggi vengono chiamati semplicemente Barbs.
I Kelpie furono mostrati al pubblico per la prima volta al Royal Show di Melbourne nel 1908, con i Barbs esposti assieme ai Kelpie. In Australia ci sono 2 differenti registri per i Kelpie: Working Kelpie e Show Kelpie.
I primo standard fu steso nel 1903 da Robert Kaleski che descrive il Kelpie come un cane che preferisce lavorare anzi che mangiare, cosa che sembra rispecchiare lo spirito della razza anche ai giorni nostri.

Aspetto Generale

Deve essere quello di un cane di grande qualità, vivace e attivo, che presenti una forte muscolatura combinata con grande agilità, che esprima la possibilità di svolgere un lavoro instancabile. Deve essere privo di qualsiasi accenno di gracilità
Cane da Pastore Belga
Cane da Pastore Belga Image

CANE DA PASTORE BELGA

Storia

Alla fine del 19° secolo, vi era in Belgio una gran quantità di cani conduttori di gregge, il cui tipo era eterogeneo e i mantelli d’una diversità estrema. Per mettere un po’ di ordine in questo stato di cose, alcuni cinofili appassionati costituirono un gruppo sotto l’esperta guida del Professor A.Reul, della Scuola di Medicina Veterinaria di Cureghem, che si può considerare come il vero pioniere e fondatore della razza. Il Groenendael fu creato dal signor Nicolas Rose, proprietario del castello di Groenendael nel bosco di Soignes a sud di Bruxelles. Il signor Danhieux selezionò invece il Tervueren partendo proprio da un accoppiamento di una sua fattrice di nome Miss con un maschio di Groenendeael di nome Duc di proprietà proprio del signor Rose. Da questa cucciolata nacque anche un maschio fulvo a pelo lungo a cui diede il nome di Milsart. Questo fu il primo Tervueren nato alla fine del 1800. Poco si sa sulla nascita del Malinois, la variante del Pastore Belga a pelo corto che proveniva dalla regione nord-occidentale del Belgio, e precisamente dai dintorni di Malines, in provincia di Anversa. L’ultima varietà, il Laekenois, prende il nome dal castello di Laeken nell’omonimo sobborgo di Bruxelles.

Aspetto Generale

Il Pastore Belga è un cane mediolineo, armoniosamente proporzionato, che unisce eleganza e potenza; di taglia media, di muscolatura asciutta e forte, inscrivibile in un quadrato, rustico, abituato alla vita all’aperto e costruito per resistere alle variazioni 1atmosferiche tanto frequenti nel clima del Belgio. Per l’armonia delle sue forme e il portamento fiero della testa, il Pastore Belga deve dare l’impressione dell’elegante robustezza che è diventata la caratteristica dei rappresentanti selezionati di una razza da lavoro. Il Pastore Belga verrà giudicato nelle sue posizioni naturali, senza contatto fisico con il presentatore.
Cane da Pastore Bergamasco
Cane da Pastore Bergamasco Image

CANE DA PASTORE BERGAMASCO

Storia

antica razza Italiana da gregge presente dall’antichità nell’arco alpino e prealpino, con particolare concentrazione nelle vallate bergamasche dove l’allevamento della pastorizia era particolarmente diffuso. Utilizzato come conduttore di greggi e di mandrie, svolgeva un lavoro indispensabile ai pastori durante gli spostamenti stagionali tra Pianura Padana e pascoli alpini. Lavoro che richiede un fisico agile, veloce e resistente, ma soprattutto testa e capacità di discernimento. Il bergamasco è raffigurato in un quadro attribuito a Lorenzo Lotto, un famoso pittore del 1500, a testimonianza delle sue antiche origini. I primi cani iscritti al Libro Origini Italiano risalgono al 1891.

IL FASCINO INDISCRETO DELL’ORIGINALITÀ

Sereno come le valli che lo ebbero protagonista nella conduzione delle greggi, il pastore bergamasco ha una storia antica e il manto che gli dona una bellezza statuaria. Rustico, con gli occhi che esprimono sentimento e dolcezza, consapevole della sua importanza nel mosaico vivo delle razze italiane, calamita l’attenzione per l’inusualità dell’aspetto ed il carattere che lo fa guardiano affettuoso ed attento. Il mantello, completo in meno di tre anni, lo distingue da tutte le altre razze: è composto da pelo e da lana che non effettua la muta stagionale, ma cresce con l’età ed è particolarmente abbondante nella parte posteriore formando con il pelo autentici feltri, detti taccole, impenetrabili all’acqua ed alle intemperie. Barba e baffi sono abbondanti ed il caratteristico ciuffo sugli occhi tenuto sollevato dalle ciglia a formare un’autentica visiera protettiva dal sole. Contrariamente a quanto si pensi la gestione e cura del mantello è molto semplice e va fatta, lavando il mantello periodicamente e tenendo in ordine barba e baffi. Il colore grigio è a macchie di tutte le gradazioni o grigio uniforme o nero opaco. Gli occhi esprimono dolcezza e attenzione, il Bergamasco instaura con l’uomo un rapporto molto stretto sempre pronto all’azione, a fare qualche cosa e a ricevere ordini. Il notevole equilibrio psichico si esplica nelle caratteristiche di razza di conduttore e guida e anche di custode attento capace di dosare le proprie forze, di essere presto consapevole di quelle dell’avversario ed intervenire solo se necessario ed in maniera efficace. Selezionati per stare all’aria aperta vivono serenamente anche nelle abitazioni, sono ricettivi ai comandi e diventano per i bambini preziosi compagni di giochi e per gli anziani una presenza rassicurante e affettuosa.

Aspetto Generale

Il pastore Bergamasco è un cane di mole media, di aspetto rustico, con pelo abbondante su tutte le parti del corpo, fortemente costruito ma molto ben proporzionato. La conformazione generale è quella di un mesomorfo, il cui tronco sta nel quadrato, armonico rispetto al formato (eterometrico) ed anche rispetto ai profili (alloidico).

Cane da Pastore Catalano
Cane da Pastore Catalano Image

CANE DA PASTORE CATALANO

Storia

Cane originario dei Pirenei Catalani, che si è diffuso in tutte le altre zone pastorali della Catalogna. La razza venne ufficialmente riconosciuta nel 1929, su proposta della real Sociedad Canina di Cataluna, ma le origini sono antiche e vanno ricollegate agli altri Cani da Pastore che nelle varie località esistono da sempre, a memoria d’uomo.

Aspetto Generale

Cane da pastore sobrio, intelligente, molto vivace. Di struttura mediolinea, è un cane ben conformato, di media misura e bel pelo. Sopporta bene sia il cando che il freddo.
Cane da Pastore Croato
Cane da Pastore Croato Image

CANE DA PASTORE CROATO

Storia

Il cane da pastore croato è una razza autoctona della Croazia. Di questa razza non esiste una bibliografia poiché l’unico documento scritto è lo standard redatto nel 1969 che ha riconosciuto la razza fra i cani da pastore. La razza che più si avvicina al Pastore croato è il pastore di Picardia. Molti esperti sospettano che tra le due razze vi siano delle lontane parentele (forse anche il pastore croato è risultano di un accoppiamento con il pastore di Ciarplanina), perché in alcuni tratti somatici e caratteriali le due razze concordano. Infatti se si analizzano le due razze morfologicamente ci accorgiamo che hanno le stesse proporzioni. Infatti in entrambi la lunghezza del corpo supera del 10% l’altezza. La differenza evidente sta nel colore del manto che nella razza croata deve essere nero, mentre in quella francese il nero è escluso. È completamente da escludere, invece, l’ipotesi sostenuta da molti, che la razza derivi dal bovaro delle Fiandre, semmai può risultarsi vero il contrario. È una razza poco diffusa, anche perché nessuna organizzazione cinofila l’ha tutelata per molti anni; solo recentemente si sta allevando con finalità espositive.

Aspetto Generale

Il Cane da Pastore Croato è al limite inferiore della taglia media. E’ vivace, attento, modesto e facile da educare. Il colore di base è nero. Il pelo corto
sulla testa e agli arti è il segno caratteristico della razza. La taglia per i maschi e per le femmine varia da 40 a 50 cm. La lunghezza del corpo supera l’altezza (di circa il 10%), in modo che il profilo del corpo è piuttosto rettangolare. È un eccellente cane da lavoro che riesce a sopportare con tranquillità la fatica. È utilizzato quasi esclusivamente nella pastorizia ma si adatta bene anche negli sport cinofili dove si predilige l’agilità e l’intelligenza. Il compito per il quale però possiede le caratteristiche ataviche e grandi attitudini è la guida del gregge grazie all’istinto di pastore che è stato conservato nella selezione. L’impiego della razza è rimasto per anni limitato a questa precisa mansione. È da considerarsi anche un ottimo cane da guardia per proteggere la proprietà. Ha due sensi più sviluppati degli altri: la vista e l’olfatto, che sono in alcuni casi, molto utili e sfruttabili. Molto intelligente, perciò facilmente addestrabile.
Australian Shepherd Image
Australian Shepherd
AUSTRALIAN SHEPHERDStoria Anche sull’origine del Pastore Australiano vi sono molte teorie; la razza che noi conosciamo oggi si è sviluppata esclusivamente negli ... Read More
Bearded Collie Image
Bearded Collie
BEARDED COLLIEStoria Il suo nome significa “Collie Barbuto”. Le sue origini sono ritenute antiche e per taluni questo cane da pastore era già presente ... Read More
Bobtail Image
Bobtail
BOBTAILStoria “Dio ha messo il pelo davanti agli occhi del Bobtail perché non veda i difetti di coloro che ama”. Questa frase, da anni motto internazio... Read More
Border Collie Image
Border Collie
BORDER COLLIEStoria Difficile stabilire l’origine del Border Collie. Anche se entrato nella cinofilia ufficiale solamente dopo la metà dello scorso secolo, ?... Read More
Cane da Pastore Australiano Kelpie Image
Cane da Pastore Australiano Kelpie
CANE DA PASTORE AUSTRALIANO KELPIEStoria La storia del Kelpie comincia in Scozia. Nel 1870, Willam Allen, un allevatore di pecore di Geralda Station, vicino Forbes,... Read More
Cane da Pastore Belga Image
Cane da Pastore Belga
CANE DA PASTORE BELGAStoria Alla fine del 19° secolo, vi era in Belgio una gran quantità di cani conduttori di gregge, il cui tipo era eterogeneo e i mantelli d?... Read More
Cane da Pastore Bergamasco Image
Cane da Pastore Bergamasco
CANE DA PASTORE BERGAMASCOStoria antica razza Italiana da gregge presente dall’antichità nell’arco alpino e prealpino, con particolare concentrazione nelle vallate bergamasche ... Read More
Cane da Pastore Catalano Image
Cane da Pastore Catalano
CANE DA PASTORE CATALANOStoria Cane originario dei Pirenei Catalani, che si è diffuso in tutte le altre zone pastorali della Catalogna. La razza venne ufficialment... Read More
Cane da Pastore Croato Image
Cane da Pastore Croato
CANE DA PASTORE CROATOStoria Il cane da pastore croato è una razza autoctona della Croazia. Di questa razza non esiste una bibliografia poiché l’unico documento... Read More