Animali.com - Il portale degli animali.
Animali.com il portale degli animali - Home Page
Animali.com - Il portale degli animali.

Animali.com - Il portale degli animali.
Cerca nel sito
Animali.com - Il portale degli animali.
Animali.com - Il portale degli animali.
News
Animali.com - Il portale degli animali.
Approfondimenti
Birdwatching
Blindsight - Il cane guida
Comportamento
Curiosità
Documentari
Enciclopedia
Gli OGM
I Cani
I Gatti
Le Acque Mariane
Viaggi nella natura
Animali.com - Il portale degli animali.
Adozioni
Animali.com - Il portale degli animali.
Campagne
Balene
Caccia
Canili
Circhi
Corrida in Catalogna
Foche del Canada
Foche del Sud Africa
Oche e Fois gras
OGM
Orsi in Cina
Pellicce
Randagismo
Tutela dignità animali
Vivisezione
Animali.com - Il portale degli animali.
I nostri amici
Album di Famiglia
La storia di Beniamino
Animali.com - Il portale degli animali.
In Vacanza
Aree di sosta in autostrade
Informazioni utili
Spiagge
Vaccinazioni
Libreria
Animali.com - Il portale degli animali.
invia una mail
Numeri utili
Animali.com - Il portale degli animali.
Links
Animali.com - Il portale degli animali.
La foto del mese
La pianta del cotone
Animali.com - Il portale degli animali.
Mercatino
Animali.com - Il portale degli animali.
www.posteshop.it
NEWS: Caccia: Finalmente la chiusura della stagione
Si contano le morti e non solo tra gli innocenti uccelli
Caccia: Finalmente la chiusura della stagione 05-02-2008

Comunicato del 31 gennaio 2008

IL 31 GENNAIO TERMINA LA STAGIONE DI CACCIA. ECATOMBE ANCHE DI PERSONE PER LO SCARSO RISPETTO DELLE NORME DI SICUREZZA, IL BRACCONAGGIO RESTA FUORI
CONTROLLO IN DIVERSE AREE, LE REGIONI PENSANO SOLO ALLE DEROGHE PER ELUDERE
LE DIRETTIVE COMUNITARIE E CACCIARE GLI UCCELLI PROTETTI. 54 MORTI E 76
FERITI E' IL BOLLETTINO DI UNA STAGIONE VENATORIA OVE IL RISPETTO DELLE
NORME DI SICUREZZA E DELLA FAUNA PROTETTA È ANCORA UNA CHIMERA. A TREVISO E  IN TUTTO IL VENETO SI CHIUDE UNA STAGIONE DI CACCIA SEGNATA DA GRAVI EPISODI  E DA FORTI TENSIONI.

Al tramonto di giovedì 31 gennaio si conclude la stagione di caccia 2007/08,
iniziata a settembre.
I cacciatori italiani sono passati dai 2 milioni degli anni ´60 ai circa 700.000 di oggi, in Veneto sono poco più di 50.000, meno di 8.000 quelli di  Treviso.
Si chiude la stagione di un'attività ormai oggetto del disprezzo della maggioranza degli Italiani ed in particolare dei cittadini del Veneto, di scarso interesse per i giovani d´oggi, che cerca di sopravvivere ai propri errori invocando assurde deregulations , anziché concorrere alla salvaguardia del patrimonio faunistico e degli habitat.
I dati della stagione di caccia che volge alla fine attestano a livello nazionale una sequenza impressionante di fatti di sangue o altri incidenti di caccia: 54 morti e 76 feriti per episodi correlati all´impiego di armi da caccia o all´esercizio venatorio (10 morti e 16 feriti per la sola caccia al cinghiale); 2 morti (di cui 1 minorenne) e 21 feriti tra cittadini comuni non dediti alla caccia (lavoratori vari, agricoltori, passanti).
Anche l´alto numero di cacciatori colpiti da infarto nelle zone di caccia (21 morti e 2 ricoveri), mentre vagavano con armi cariche, dimostra la frettolosità degli esami medici per il rinnovo delle licenze, e l´inadeguatezza del Decreto del Ministero Sanità del 28/4/1998 sui requisiti psicofisici per esercitare la caccia, che nulla prescrivono o vietano in caso di malattie cardiovascolari.
I dati completi sulla pagina web : http://www.abolizionecaccia.it/index.php?

L´insufficienza dell´attività di vigilanza non riesce ancora a contrastare alcune importanti sacche di bracconaggio, come nella provincia di Brescia e Vicenza, nei laghi costieri pugliesi, in Sardegna e nelle lagune venete, compreso in special modo il Delta del Po, nelle piccole isole tirreniche e siciliane, ove imperversano l´abbattimento di esemplari di specie protette, il mancato rispetto dei limiti di carniere, l´impiego di mezzi non consentiti (come trappole, lacci, uso di richiami acustici a funzionamento
elettromagnetico).
Ancora inattuato dalla Regione Veneto il divieto di impiego di pallini di piombo nella caccia in zone umide, previsto dalla legge 66/2006.
Sono sempre in corso due ulteriori procedure di infrazione comunitaria, avviate dalla Commissione UE, su violazioni da parte di 13 Regioni della Direttiva 79/409 CEE sulla protezione degli uccelli selvatici, per la caccia in deroga a specie protette (come fringuelli, peppole, passeri).
A Treviso la stagione si chiude registrando momenti di particolare tensione e gravità: la questione dei corridoi di caccia ha visto una lotta all'ultimo sangue tra le diverse fazioni di cacciatori e tra la provincia di Treviso e la Regione Veneto; l'11 novembre a Collagru' di Farra di Soligo si è registrato un ferito grave per una fucilata destinata ad una lepre; anche a Vedelago, Mogliano e Conegliano si sono registrati incidenti e danni causati dai cacciatori; a dicembre il Corpo Forestale dello Stato ha sequestrato un
roccolo della provincia di Treviso per catture e commercio illegale di fauna selvatica ad opera dei roccolatori; a fine stagione di caccia è scoppiato il caso della licenza di caccia rilasciata al sindaco ed europarlamentare Giampaolo Gobbo della Lega.
Anche nella Regione Veneto sono state registrate situazioni allarmanti: si continua a cacciare nelle Zone di Protezione Speciale e nei Siti di Importanza Comunitaria, nel Parco del Delta del Po è stata registrata una moria di fenicotteri avvelenati dal piombo dei pallini di caccia mai registrata prima d'ora; si è continuato a sparare a piccoli uccelli migratori protetti in tutta Europa come il Fringuello e la Peppola. A Vicenza si è registrato un boom del bracconaggio nei confronti di specie protette che ha spinto le locali associazioni ambientaliste a diffidare il presidente della giunta regionale Galan, le sole guardie della LAC e dell'ENPA hanno denunciato alla magistratura ben 38 cacciatori elevando 94 sanzioni amministrative, ed è stato scoperto un "mattatoio" abusivo per caprioli. A Verona sono stati denunciati ben 8 allevatori abusivi che
mettevano alle zampe degli uccelli anelli contraffatti alimentando il mercato illecito della fauna selvatica, inoltre le guardie della LIPU hanno denunciato ben tre cacciatori senza licenza di caccia. 
Andrea Zanoni presidente della LAC ha affermato: "Il bracconaggio diffuso, il mancato rispetto delle direttive comunitarie, l'avvelenamento da pallini di caccia di piombo dei rarissimi Fenicorreri rosa a causa del mancato divieto per legge, i gravi incidenti di caccia, la caccia legalizzata alle specie protette, le licenze di caccia facili sono la cartina tornasole di una gestione della caccia clientelare ad uso e consumo delle doppiette in barba ai cittadini notoriamente contrari alla caccia ormai stanchi di questa situazione a dir poco intollerabile".

LAC Lega Abolizione Caccia - Sezione del Veneto


ARCHIVIO NEWS
30-08-2006 - Progressi nelle Filippine contro la carne di cane - da Oipa Italia Onlus
08-08-2006 - Buone ferie a tutti - Arrivederci a settembre
19-07-2006 - Tartarughe Beach 2006 - Evento organizzato dal Tarta Club Italia
14-07-2006 - Dog's bar - Come rendere piacevole una passeggiata in città d'estate
11-07-2006 - Sfratto per Yoghi e Bubu - da La Stampa Web
07-07-2006 - La mattanza del tonno rosso - Gli ambientalisti sollecitano la Ue perché impedisca la mattanza
05-07-2006 - Agopuntura per gli animali - Storia e applicazioni terapeutiche
03-07-2006 - Acquario di Genova - Sono arrivati Linda e Mateo, i due nuovi delfini
28-06-2006 - Acquario di Genova - I delfini dormono mentre nuotano
22-06-2006 - Creata una mosca insonne per scoprire come dormiamo - Un moscerino «insonne» aiuterà gli uomini a dormire meglio

TORNA SU

Copyright 1997-2006 Animali.com - info@animali.com
HTML - CSS - Designed by Web Agency Napoli