Animali.com - Il portale degli animali.
Animali.com il portale degli animali - Home Page
Animali.com - Il portale degli animali.

Animali.com - Il portale degli animali.
Cerca nel sito
Animali.com - Il portale degli animali.
Animali.com - Il portale degli animali.
News
Animali.com - Il portale degli animali.
Approfondimenti
Birdwatching
Blindsight - Il cane guida
Comportamento
Curiosità
Documentari
Enciclopedia
Gli OGM
I Cani
I Gatti
Le Acque Mariane
Viaggi nella natura
Animali.com - Il portale degli animali.
Adozioni
Animali.com - Il portale degli animali.
Campagne
Balene
Caccia
Canili
Circhi
Corrida in Catalogna
Foche del Canada
Foche del Sud Africa
Oche e Fois gras
OGM
Orsi in Cina
Pellicce
Randagismo
Tutela dignità animali
Vivisezione
Animali.com - Il portale degli animali.
I nostri amici
Album di Famiglia
La storia di Beniamino
Animali.com - Il portale degli animali.
In Vacanza
Aree di sosta in autostrade
Informazioni utili
Spiagge
Vaccinazioni
Libreria
Animali.com - Il portale degli animali.
invia una mail
Numeri utili
Animali.com - Il portale degli animali.
Links
Animali.com - Il portale degli animali.
La foto del mese
La pianta del cotone
Animali.com - Il portale degli animali.
Mercatino
Animali.com - Il portale degli animali.
www.posteshop.it
NEWS: Il TAR da ragione ai caprioli
da Oipa Italia Onlus
Il TAR da ragione ai caprioli 17-10-2006

Comunicato stampa Associazione Italiana Familiari e Vittime della Caccia.
Il TAR dà ragione ai caprioli: gli abbattimenti selettivi in Piemonte non riprenderanno.
Boschi più sicuri, per gli animali e per le persone.

Dopo aver sospeso a inizio settembre la strage di ungulati voluta dalla Regione Piemonte, nell'udienza di oggi del TAR piemontese viene riconfermata la decisione: i piani di abbattimento selettivo approvati dalla Regione Piemonte non sono in regola e quindi la delibera della Regione non risulta valida. La regione non ha rispettato l'iter corretto, che prevede il preventivo parere dell'INFS, l'istituto Nazionale per la Fauna Selvatica. Si può ancora sparare agli ungulati solo nelle aziende faunistico venatorie private, dunque, che non necessitano del parere dell'INFS, ma non negli ATC e CA, cioè nei "luoghi pubblici" di caccia.
Le tante migliaia di ungulati condannati a morte potranno così salvarsi, ma non certo per merito della Regione Piemonte. Affermano i rappresentanti dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Caccia, che, assieme alla Lega Abolizione Caccia, hanno presentato a fine agosto il ricorso al TAR vinto definitivamente oggi: "I governanti locali che vogliono risolvere il problema del sovrannumero di animali selvatici adottano sempre la soluzione per loro più semplice, nel senso di 'meno laboriosa', quella degli abbattimenti di massa. Ma dovrebbero iniziare ad ammettere che questa non è affatto una soluzione, perché il problema si ripresenta ogni anno.
E quindi è loro dovere cercare e trovare altre soluzioni, soluzioni che non coinvolgano mai i cacciatori, il cui comportamento è sempre e comunque un pericolo per l'incolumità pubblica, che invece i governanti locali dovrebbero tutelare".
Trovano così ragione le istanze dei tantissimi cittadini che nelle scorse settimane hanno protestato per queste uccisioni senza senso, e i tanti "cacciatori arrabbiati" dovranno accontentarsi di meno prede. Dichiara l'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Caccia: "I cacciatori hanno protestato in queste settimane perché sono stati dipinti come individui pericolosi e violenti, ma è esattamente quello che sono: violenti con gli animali, perché non si può definire in altro modo chi prova piacere a uccidere esseri indifesi, e pericolosi per gli umani perché già in sole 3 settimane di stagione venatoria ci sono stati 9 morti e 24 feriti, tra cui molti non cacciatori".
E si tratta comunque di un bilancio per difetto, perché conta soltanto gli incidenti riportati sui giornali: tanti ferimenti, magari più lievi, e gli innumerevoli casi di "allarme sociale", minacce dei cacciatori contro i cittadini indifesi, spari nei giardini e vicino alle case, ecc., spesso non sono riportati sui quotidiani.
La stagione venatoria continuerà, ma grazie a questa vittoria al TAR, i cacciatori sono stati messi in condizione di nuocere di meno. Agli animali e agli umani.

Contatti: www.cacciailcacciatore.org


ARCHIVIO NEWS
09-10-2009 - TORNATORE, SGOZZARE TORI NON È AZIONE DA OSCAR - Articolo pubblicato su Il Giornale a firma di Oscar Grazioli
09-10-2009 - PIÙ DI 4 MILIONI DI ANIMALI SARANNO RISPARMIATI DALLA VIVISEZIONE NELL’UNIONE EUROPEA - L’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA), con sede a Helsinki,
02-10-2009 - NUCLEARE: APPELLO AMBIENTALISTA SPINGE LE REGIONI ALLA RIVOLTA - Legge 99/2009 sono 11 le regioni che l'hanno impugnata
02-10-2009 - CHIEDIAMO AL CANADA DI BANDIRE LE PELLICCE DI CANE E DI GATTO - Il governo Canadese non vuole introdurre il bando alle pellicce di cane e gatto
29-09-2009 - OGGI SI APRE LA SETTIMANA VETERINARIA EUROPEA - Salute e sicurezza per i consumatori
10-09-2009 - NUOVA ORDINANZA SUL RANDAGISMO DEL SOTTOSEGRETARIO MARTINI - Ordinanza del 16 luglio 2009
08-09-2009 - Apre la Banca del sangue - Una banca del sangue per cani è in via di realizzazione
27-08-2009 - CONTRO L’UCCISIONE DEI CAPRIOLI IN PIEMONTE - Segnalazione della Lega Abolizione Caccia – Piemonte
25-06-2009 - PELLICCE DI CANE E GATTO, CDM AUMENTA LE SANZIONI - Il Consiglio dei Ministri ha approvato ieri nel corso di una riunione
22-06-2009 - Spiaggie vietate ai cani: spuntano i divieti comunali illegali - Comunicato Stampa

TORNA SU

Copyright 1997-2006 Animali.com - info@animali.com
HTML - CSS - Designed by Web Agency Napoli