Animali.com - Il portale degli animali.
Animali.com il portale degli animali - Home Page
Animali.com - Il portale degli animali.

Animali.com - Il portale degli animali.
Cerca nel sito
Animali.com - Il portale degli animali.
Animali.com - Il portale degli animali.
News
Animali.com - Il portale degli animali.
Approfondimenti
Birdwatching
Blindsight - Il cane guida
Comportamento
Curiosità
Documentari
Enciclopedia
Gli OGM
I Cani
I Gatti
Le Acque Mariane
Viaggi nella natura
Animali.com - Il portale degli animali.
Adozioni
Animali.com - Il portale degli animali.
Campagne
Balene
Caccia
Canili
Circhi
Corrida in Catalogna
Foche del Canada
Foche del Sud Africa
Oche e Fois gras
OGM
Orsi in Cina
Pellicce
Randagismo
Tutela dignità animali
Vivisezione
Animali.com - Il portale degli animali.
I nostri amici
Album di Famiglia
La storia di Beniamino
Animali.com - Il portale degli animali.
In Vacanza
Aree di sosta in autostrade
Informazioni utili
Spiagge
Vaccinazioni
Libreria
Animali.com - Il portale degli animali.
invia una mail
Numeri utili
Animali.com - Il portale degli animali.
Links
Animali.com - Il portale degli animali.
La foto del mese
La pianta del cotone
Animali.com - Il portale degli animali.
Mercatino
Animali.com - Il portale degli animali.
www.posteshop.it
FAIL (the browser should render some flash content, not this). PARCHI, RISERVE ED OASI
Visitate i parchi le oasi le riserve ... questo è il miglior modo di conoscere gli animali
Gli animali ci insegnano l'amore e il rispetto per la natura e la libertà!

Sul territorio nazionale esistono differenti tipologie di aree protette con diverse finalità istitutive ed estensioni geografiche.

La loro suddivisione dipende da criteri organizzativi, gestionali e dall’Ente promotore competente.
In Italia sono presenti le seguenti aree protette: Parchi Nazionali: Istituito dal Ministero dell'Ambiente, identifica aree generalmente molto estese, di grande interesse naturalistico e paesaggistico, estese su un’intera area geografica, omogenea per ambientazione, flora, fauna.
Sono gestiti da un Ente autonomo che ne definisce la politica di tutela protezionistica, (attività consentite, turismo, controllo dei processi naturali) Parchi naturali regionali: aree individuate sul territorio regionale per la tutela dell’ambiente.

L’ente Regione è competente nella gestione, attraverso l’attuazione di piani programmatici e leggi regionali.

Riserva naturali: aree naturalistiche di tipo statale o regionale, di estensione limitata. Hanno caratteristiche principalmente protezionistiche, spesso relativamente ad un solo elemento naturale specifico (un ‘isola, un lago, un ambiente marino). Le Riserve possono essere Statale o Regionali. Parchi e riserve marine: aree destinate alla salvaguardia del patrimonio naturale sommerso, e alla tutela della biologia marina, con finalità di ripopolamento ittico.

Il Parco Marino è volto alla tutela integrata di interi tratti di mare e di costa (isole o arcipelaghi) tipici del nostro Mediterraneo. Sono state istituite con legge 979 del 1982.

Zone Umide: Ambiti naturali, semi-naturali o artificiali di elevato contenuto di tipo bilogico ed ecologico. Regolamentati sulla base della Convenzione Internazionale di Ramsar del 02.02.1971, sono istituiti in ambienti quali laghi, stagni, fiumi, paludi, saline, ecc, con acqua stagnante o corrente, dolce, salata o salmastra, per la salvaguardia degli uccelli acquatici e del loro habitat.

Oasi naturali: Aree gestite o appartenenti ad associazioni naturalistiche (Lipu, WWF, ecc), finalizzate a tutelare la sosta e la riproduzione di animali selvatici. Oltre alla tutela faunistica in tali aree sono promosse attività di ricerca, didattiche ed educative.

Abruzzo:
  • Riserva naturale Regionale Voltigno e Valle d'Angri
    Al margine meridionale del massiccio del Gran Sasso è un vasto territorio di 5172 ettari compreso nel comune di Farindola in provincia di Pescara, ricco di laghetti cristallini.
  • Riserva naturale Zompo lo Schioppo istituita con la L.R. n.24 del 29-05-1987.
    Lo Zompo è il salto di 100 metri che l'acqua compie sgorgando dalla sorgente detta lo "Schioppo" formando una cascata naturale più alta dell'Appennino. Siamo in provincia dell'Aquila vicino ad Avezzano esattamente a Morino in Val Roveto. La riserva nella parte a valle è ricchissima di acque, mentre il resto è densamente boscata.
  • Riserva naturale Regionale Lago di Penne
    Questa riserva istituita con la L.R. n.26 del 29-05-1987 e n. 97 del 30-11-1989; si estende nel territorio del comune di Penne a 35 KM da Pescara. Comprende il lago di Penne che è un bacino artificiale realizzato da un restringimento della vallata del fiume Tavo.
    Questa riserva ospita rapaci curati dopo aver subito ferite dai cacciatori, e circa 160 specie nidificanti fra cui la Nitticora simbolo della riserva.
  • Riserva naturale Regionale Majella Orientale
  • Riserva regionale di Serranella (CH)
  • Oasi WWF delle gole del Sagittario (AQ)
  • Oasi WWF delle Abetine (CH)
TORNA SU

Basilicata:
  • Riserva regionale del Pantano di Pignola
  • Oasi WWF Bosco di Policoro
  • Oasi WWF di San Giuliano
  • Riserva Naturale delle Grotticelle
    E'stata istituita con DM.11-09-1971. L'area di 209 ettari si trova in provincia di Potenza nelle frazioni di Monticchio Bagni i comuni più vicini sono Rionero e Melfi.
    L'intero territorio è demaniale. La sua importanza naturalistica è confermata dalla presenza del lupo e del gatto selvatico, incontriamo facilmente volpi, tassi donnole ed uccelli come il picchio e la ghiandaia , mentre i più fortunati possono avvistare lo sparviere.
TORNA SU

Calabria:
  • Parco Nazionale del Pollino
    Istituito con DM 31-12 1990 che fino ad ora è stato solo perimetrato.
    I comuni di riferimento sono Castrovillari e Frascineto.Il permesso per il campeggio va chiesto con un pò di anticipo all'Ente Parco a Rotonda (0973/661692)
    o al Comando Forestale di Castrovillari (0981/21035).
    Nell'equipaggiamento non dimenticate l'acqua potabile.
  • Parco Nazionale d'Aspromonte
    istituito con legge 28-8-1989 e con DM ambiente 15-3-90, l'area è gestita dal corpo forestale dello stato e consta di 75.000 ettari. Siamo nella provincia di Reggio Calabria a Gambarie d'Aspromonte seguire le indicazioni per il Montalto ( la cima più elevata del massiccio 1956 metri ).
  • Oasi wwf di Scolacium
TORNA SU

Campania:
  • Oasi wwf di Persano (SA)
  • Parco monumentale di Baia (NA)
  • Riserva Naturale del cratere degli Astroni ( NA ) WWF
    Si trova vicino Pozzuoli,16 km.da Napoli. 247 ettari, con percorsi-natura, centro di Educazione Ambientale, centro visite, area faunistica. Specie animali comuni nella macchia sono: l'occhiocotto, lo scricciolo, la capinera, il merlo e la ghiandaia; nel bosco misto vi sono invece alcune specie piuttosto interessanti come il picchio rosso maggiore e il picchio muratore. Nelle zone umide nidificano folaga e gallinella d'acqua; ma anche alcuni uccelli di passaggio: airone cenerino, garzetta, tarabusino, pavoncella, porciglione. Il cratere ospita anche poiana, gheppio, volpe, faina. Tutto l'anno, il sabato e la domenica alle ore 10:00, 12:00 e alle 14:00 (ora solare), alle 15:00 (ora legale). Le scolaresche il lunedì, il mercoledì e il giovedì, prenotando con un mese anticipo. I gruppi organizzati il sabato e la domenica su prenotazione. Telefonare alla Riserva, tel. 081/5883720. Da Napoli prendere la tangenziale con uscita ad Agnano, quindi dirigersi a destra proseguendo sulla collina, e seguire le indicazioni per l'Oasi WWF.
  • Parco Nazionale del Cilento (SA)
  • Riserva marina di punta Campanella
  • Parco sommerso ubicato nelle acque di Gaiola, nel golfo di Napoli
  • Parco sommerso ubicato nelle acque di Baia nel Golfo di Pozzuoli
TORNA SU

Emilia Romagna:
  • Oasi wwf di Punte Alberete
    Istituita con la L.R.27/88 è stata dichiarata zona umida d'importanza internazionale. Siamo a nord di Ravenna, l'oasi è delimitata dal fiume Lamone e da terreni agricoli. Assume importanza per la rara moretta tabaccata che qui nidifica, per le spatole e gli aironi bianchi. Possiamo osservare inoltre, alzavole, canapiglie, folaghe e le gallinelle d'acqua con i loro pulcini. In pesca negli stagni le nitticore i tarabusini e le sgarze ciuffetto. Raro è l'incontro con, la testugine palustre che trova qui l'ambiente idoneo a riprodursi e il colubro di Esculapio un'altro anfibo.
  • Oasi di Campotto Vallesanta
    L'area fa parte del "parco del Delta del Po". Si estende per 1600 ettari in un territorio compreso fra il fiume Reno e quello del torrente Sillaro. Siamo nel ferrarese il comune più vicino è Argenta. Dal 1985 esiste un vincolo paesistico su tutta l'area sia Vallesanta che Campotto sono state dichiarate "zone umide d'importanza internazionale" ai sensi della convenzione di Ramsar.Gli specchi d'acqua sono colonizzate da piante acquatiche alle quali si associa una abbondante fauna invertebrata cibo di varie specie di pesci e anfibi. Sono da segnalare Tritoni, salamandre,e la rara tartaruga palustre..Nell'oasi nidificano l'airone rosso e cenerino il falco di palude lo svasso maggiore il tarabusino, il falco pescatore del quale è possibile ammirare il volo durante i passi.
  • Le valli Comacchio
TORNA SU

Friuli:
  • Oasi di Bordaglia e val Fleons
    L'area rientra nel parco naturale della carnia centrale nel comune di Forni Avoltri (UD). Il laghetto di Bordaglia ospita trote, tritoni alpini e rane temporarie. Nei Prati o sulle rocce si può osservare in volo la pernice bianca, mentre tra i roccioni vive l'ermellino. Sulle rupi della Giogaia dei Fleons è facile avvistare il camoscio. In questa oasi nei boschi possiamo incontrare il capriolo, il gallo forcello, e in volo il merlo dal collare.
  • Oasi WWF di Marano Lagunare (UD)
  • Oasi WWF Tre Scalini del Diavolo (PN)
TORNA SU

Lazio:
  • Parco Nazionale del Circeo
    Il parco è stato istituito con R.D.L. 25/1/1934 , nel 1975 sono stati inclusi nell'area protetta i tre laghi costieri di Fogliano, dei Monaci e di Caprolace che vennero pio dichiarati zona umida di importanza internazionale per lo svernamento di migliaia di uccelli acquatici. Nel 1979 il parco è stato ancora ampliato con l'inserimento dell'isola dello Zannone. La superfice è oggi di 8300 ettari comprensivi del lago di Sabaudia. Il parco custodisce anche un patrimonio archeologico: nel 1939 vennero scoperti in una grotta del litorale, resti umani risalenti all'uomo di Nehandertal, numerose sono pio le rovine romane e medievali e le torri costiere costruite nel XVI secolo per difendere la zona dai pirati.
    L'area boschiva del parco è rifugio di volpi, tassi, donnole e lepri. In volo si possono osservare ghiandaie, rondini, quaglie, picchi qualche falco pellegrino, il barabagianni. Nel parco è presente l'oasi wwf di Vulci importante per la presenza di un nutrito gruppo di lontre presente nel fiume Fiora. La lontra ha il primato di essere uno dei mammiferi più minacciato d'Italia per l'inquinamento delle acque, a cui questo animale è molto sensibile.Fortunatamente la acque del Fiora sono ancora "pulite" e oltre alla lontra troviamo il gambero d'aqcua dolce e il merlo acquaiolo.
  • Riserva naturale Tevere Farfa
    La riserva è stata istituita con la L.R. del 4 aprile 1979, n. 21 Siamo nella valle del Tevere in prossimità della diga di Meana, una zona paludosa dove si raccolgono numerosi uccelli acquatici: il germano reale, e la marzaiola in primavera, la moretta tabaccata durante il periodo delle migrazioni, mentre sono presenti tutto l'anno i cormirani, i gabbiani gli aironi cenerini, le garzette, le folaghe Troviamo, inoltre, uccelli predatori come il falco pescatore e il falco di palude.
  • Il parco suburbano di Marturanum
    Il parco istituito con la L.R. 1984 è gestito dal comune di Barbarano Romano, borgo medievale che sorge tra il lago di Vico e quello di Bracciano, in provincia di Viterbo. Il parco ha motivo di interesse perchè tra gli alberi e la macchia si nascondono numerosi tumuli di origine etrusca.

Liguria:
  • Parco nazionale delle Cinque Terre - SITO UFFICIALE -
    3.859,73 0,00 Parco Nazionale D.P.R. 6.10.99 LIGURIA # 11 Ente parco Parco Nazionale Cinque Terre EUAP1067
  • Riserva naturale marina Cinque Terre 0,00 2.284,00 Riserva Marina Statale D.M. 12.12.97 LIGURIA # 26 Ente parco EUAP0948 - SITO UFFICIALE -
TORNA SU

Lombardia:
  • Riserva naturale Monticchie di Somaglia istituita dalla regione lombardia nel 1988 si trova nell'area che circonda il corso lombardo del Po. Da segnalare oltre gli uccelli da passo, il colombaccio il più grande e bello tra i piccioni selvatici.
  • Parco del Ticino Il Ticino e le sue sponde sono protette da un parco naturale che si allunga dal lago Maggiore a Pavia per complessivi 90.640 ettari, diviso amministrativamente in una sezione lombarda e una piemontese. Gli aironi sono gli uccelli più caratteristici della valle del ticino, airone cenerino la garzetta, la nitticora, la sgarza ciuffetto. Il germano e l'alzavola nidificano regolarmente nel parco. Frequente è la presenza degli svassi , e di anatre sia di superfice che tuffatrici. Tra la vegetazione delle sponde fanno il nido le gallinelle d'acqua e le folaghe.
  • Parco Nazionale dello Stelvio
    E' la maggiore area protetta d'Italia occupa una superfice di 134.620 ettari tra Lombardia e Trentino-AltoAdige. La direzione del parco è a Bormio ( Sondrio ), tel. 0342/901582. La fauna è composta dalle quattro specie di ruminanti alpini, stambecchi,camosci, cervi e caprioli.
  • Oasi WWF le Bine
  • Oasi LIPU Lacchiarella
  • Oasi LIPU Cesano Maderno
  • Oasi WWF Bosco di Vanzago
TORNA SU

Marche:
  • Riserva naturale di Torricchio (MC)
  • Riserva naturale dell'abbadia di Fiastra

Molise:
  • Oasi LIPU di CASACALENDA
  • Oasi WWF di Guardiaregia Tel. 0874/482007
TORNA SU

Piemonte:
  • Parco naturale regionale Alpe Devero
    Istituito con la L.R.1990. E' l'habitat ideale per la marmotte, non difficili da osservare. Per la presenza delle marmotte il parco è frequentato dall'aquila reale.
  • Parco naturale della val Troncea
    Istituito con la legge regionale n. 45 del 16-5 1980 ha una estensione di 3280 ettari. Ci troviamo nel cuore delle Alpi Cozie nella val Troncea, scavata nel primo tratto dal torrente Chisone. Nel parco troviamo qualche timido capriolo, le marmotte, e non manca la bellissima aquila reale.
  • Parco nazionale del Gran Paradiso
    Istituito nel 1922 comprende più di 200.000 ettari. La sua istituzione fu decisa per salvaguardare lo stambecco dall'estinzione. Lo stambecco insieme al camoscio sono presenti oggi in gran numero nel parco. Incontriamo, inoltre le marmotte con il loro inconfondibile richiamo, e uccelli come l'aquika reale, il sordone e il culbianco tipici di queste quote.
  • Parco naturale di Rocchetta Tanaro
    Istituito con la legge regionale n.31 del 28-4-1980 con il fine di tutelare il bosco, un querceto di importanza storica e socio-economica. Il parco è nel territorio di Rocchetta Tanaro, tra Asti e Alessandria. Il bosco è popolato da scoiattoli, lepri, moscardini, tassi e arvicole.
  • Oasi WWF Bellinzago
  • Oasi WWF Bosco Tenso (NO)
  • Oasi WWF Urbana la Bula di Asti (AT)
TORNA SU

Puglia:
  • Riserva naturale delle Cesine (LE)
  • Oasi WWF Torre Guaceto (BR)
  • Parco dell'Alta Murgia (BA)
    Nasce il Parco dell'Alta Murgia, decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale.
    Il Parco nazionale dell'Alta Murgia è nato ufficialmente. E' stato infatti pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il relativo decreto del presidente della Repubblica che pone fine al lungo iter amministrativo di istituzione di questa nuova area protetta. Il nuovo parco, istituito su proposta del Ministero dell' Ambiente e della Tutela del Territorio, interessa 13 comuni e due comunità montane, in un territorio di 68 mila ettari, che ricade per la maggior parte nella provincia di Bari. I comuni interessati sono quelli di Altamura, Andria, Bitonto, Cassano della Murgia, Corato, Gravina in Puglia, Grumo Appulo, Minervino Murgie, Poggiorsini, Ruvo di Puglia, Santeramo in Colle, Spinazzola e Toritto. Le due comunità montane sono quelle della Murgia Nord-orientale e della Murgia sud-orientale. L'area protetta dell'Alta Murgia spicca per il suo valore naturalistico, riconosciuto anche dalla Direttiva Habitat della UE. Questo territorio, infatti, si contraddistingue per le sue vaste aree steppiche, caratterizzate da associazioni vegetali molto simili a quelle delle steppe della regione Euro-Asiatica. Quanto all'habitat e alle specie vegetali in genere, vanno segnalati i percorsi substeppici, le graminacee, le piante annue, il querceto. L'ambiente di questo parco, inoltre, è uno dei più ricchi per la presenza di specie faunistiche. All'interno della nuova area naturalistica fra le specie animali di rilievo nazionale e internazionale si segnalano il grillaio e la gallina prataiola. Di particolare rilevanza anche gli aspetti storico culturali, come la 'Cava dei Dinosauri' di Altamura, sede di un ricchissimo giacimento paleontologico risalente a circa 70 milioni di anni fa, nel quale sono state rinvenute trentamila orme di dinosauri.
  • Riserva marina di porto Cesareo
TORNA SU

Sardegna:
  • Parco nazionale del golfo di Orosei e del Gennargentu
  • Oasi WWF di Seu
  • Oasi WWF di Monte Arcosu
  • Riserva della penisola del Sinis- isola di mal di Ventre
  • Riserva di Tavolara e Punta coda Cavallo
TORNA SU

Sicilia:
  • Riserva naturale Saline di Trapani
  • Oasi WWF Siculiana (AG)
  • Oasi LIPU Montallegro (AG)
  • Centro LIPU Fauna Selvatica Ficuzza
TORNA SU

Toscana:
  • Parco Regionale delle Alpi Apuane
    E' stato istituito nel 1985 e comprende un'area di 54.000 ettari tra Lucca e Massa Carrara.
  • Parco naturale della Maremma istituito nel 1975.
    Si estende lungo una fascia costiera di 20 km, tra la pineta del Tombolo di Principina a mare e Talamone, comprendendo il corso conclusivo dell'Ombrone, i monti dell'Uccellina, gli acquitrini dell'estuario e i conglomerati calcarei. Le zone paludose accologono aironi cenerini e rossi, folaghe, germani e perfino qualche cavaliere d'Italia. La macchia offre rifugio al cinghiale, al gatto selvatico, alla donnola.
  • Capraia
    Dal 1990 anche l'isola è compresa nel Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, da un Decreto Legge che regolamenta il transito e la sosta delle imbarcazioni in prossimità della costa e le attività di caccia e pesca. A Capraia troviamo la Berta Maggiore e minore, il gabbiano reale, il gabbiano corso, il falco pellegrino.
  • Riserva naturale del lago di Burano
  • Oasi LIPU Campocatino (LU)
  • Oasi LIPU Massaciuccoli (LU)
  • Centro LIPU recupero uccelli marini e acquatici (LI)
  • Oasi LIPU Montepulciano (SI)
  • Oasi WWF Bosco del Bottaccio
TORNA SU

Umbria:
  • Parco Regionale del Tevere (lago di Corbara)
  • Parco Regionale Coscerno Aspra
  • Parco Regionale del Nera

TORNA SU

Copyright 1997-2006 Animali.com - info@animali.com
HTML - CSS - Designed by Web Agency Napoli